Crus e Alice di nuovo a teatro per divertire e sensibilizzare sull’endometriosi

Sabato 1° giugno al Cine Teatro Astra “Ortensia ha detto: ‘Me ne fu!’”, a cura del laboratorio teatrale del Circolo Ricreativo dell’Università di Sassari - CRUS

Sassari. Il laboratorio teatrale del Circolo Ricreativo dell’Università di Sassari – CRUS torna in scena per sensibilizzare sull’endometriosi. Lo fa proponendo al pubblico una serata all’insegna del divertimento, portando in scena la commedia degli equivoci “Ortensia ha detto: ‘Me ne fu!’”. L’appuntamento, patrocinato dal Comune di Sassari, è per sabato 1° giugno al Cine Teatro Astra con doppio spettacolo: alle 18 e alle 21. Come per lo scorso anno, Davide Deiana, direttore artistico dello spettacolo, ha scelto di devolvere l’intero ricavato dello spettacolo ad Alice Odv – Associazione Lotta Italiana per la Consapevolezza sull’Endometriosi, per supportare le iniziative di sensibilizzazione realizzate in Sardegna e in Italia. L’associazione sarà presente a teatro con uno stand: chiunque potrà avvicinarsi e avere materiale sull’endometriosi, chiedere informazioni sulle attività, sulla patologia e sui campanelli d’allarme per fermarla sul nascere e sull’associazione.

Italia, anni ’70. Nello studio dentistico del dottor Follbraguet, animato da un gruppo di personaggi sopra le righe, l’impertinenza della cameriera Ortensia scatena una serie di incomprensioni, bugie e avventure esilaranti.

In scena Davide Deiana, Luisella Pisottu, Loredana Chessa, Piero Pisano, Barbara Casu, Maria Rita Pitzolo, Barbara Virdis, Anna Maria Posadino, Laura Pistidda, Lilli Mossa e Barbara Serdino.

«Siamo grate a Davide Deiana e al gruppo di attori da lui diretto per aver voluto nuovamente organizzare una serata in cui il teatro e la consapevolezza sull’endometriosi danzano all’unisono – dichiara Elena Crobu, referente Sardegna di A.L.I.C.E. odv –. È grazie a queste iniziative che riusciamo a sensibilizzare la comunità in modo trasversale. E solo attraverso queste informazioni possiamo favorire la conoscenza e, di conseguenza, la prevenzione rispetto ad una malattia che colpisce oltre tre milioni di donne nel nostro Paese», conclude Elena Crobu.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio