Subito la doppia preferenza di genere

Lo chiede la rete Heminas. A Sassari iniziativa nell’auditorium del Polo Tecnico di via Monte Grappa. Il flash mob “Su muccadore”

Heminas2Sassari. Doppio appuntamento con la stampa promosso dalla Rete Heminas, che comprende oltre 1300 aderenti e che fa il suo esordio con una richiesta chiara e diretta: il Consiglio regionale proceda con l’immediata approvazione della norma sulla Doppia Preferenza di Genere per porre fine all’inaccettabile discriminazione che vede la presenza di sole 4 donne su 60 consiglieri. Giovedì mattina la prima azione si è svolta a Cagliari, direttamente sotto il palazzo del Consiglio regionale. La seconda, in contemporanea, a Sassari, in un luogo altrettanto simbolico, la scuola, quale casa comune dei giovani. All’Auditorium del Polo Tecnico “Devilla Dessì La Marmora”, in via Monte Grappa, durante la conferenza “Donne: “Ruolo attivo nella storia, Ruolo passivo nella politica” sono state portate all’attenzione degli studenti diverse testimonianze, tra cui quelle di due giocatori della Dinamo, Bell e Lighty. Quest’ultimo ha ricordato l’impegno quotidiano della moglie, anche lei giocatrice professionista, e le disparità che subisce tuttora nei confronti dei giocatori uomini.

Heminas1In apertura di conferenza si è esibito il coro interscolastico diretto da Vincenzo Cossu. Subito dopo le donne presenti nell’auditorium hanno dato vita al flash mob “Su muccadore”, per riaffermare l’identità femminile (il fazzoletto della tradizione sarda si può togliere e rimettere a piacimento, senza alcuna imposizione) ma anche per ricordare l’episodio del 1969, quando le donne di Orgosolo, con un’occupazione durata sei giorni, impedirono che i terreni di Pratobello venissero trasformati in poligoni di tiro.

 

Il servizio tv di Canale 12 trasmesso il 27 aprile

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio