Per una nuova legge elettorale del Consiglio regionale

Questo pomeriggio nella Sala Angioy del Palazzo della Provincia iniziativa promossa dal “Comitato Lavoro Democrazia Costituzione”. Interverrà il presidente Gianfranco Ganau

 

ComitatoLavoroSSSassari. Il “Comitato Lavoro Democrazia Costituzione” di Sassari, che, come “Comitato per il NO”, ha svolto efficacemente la battaglia contro la revisione della Costituzione, ritiene che debba essere pienamente valorizzata la grande volontà di partecipazione espressa dagli elettori sardi in occasione del referendum del 4 dicembre scorso.

A tale valorizzazione certamente non contribuisce la vigente legge per l’elezione del Consiglio Regionale della Sardegna. Essa, infatti, prevede un premio di maggioranza che distorce la volontà dei votanti, non consentendo una equilibrata rappresentanza po-litica delle popolazioni e dei territori. Per tacere della presenza femminile, scandalosa-mente insufficiente: solo quattro donne, appena il 6,6% del Consiglio.

Per queste ed altre non meno importanti ragioni, la legge elettorale sarda deve essere cambiata prima delle prossime elezioni regionali. Non si ha, però, la sensazione che il Consiglio regionale abbia una decisa volontà di accingersi a tale impresa.

Il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau si è fatto promotore di una proposta di modifica della legge elettorale regionale. Il “Comitato Lavoro Democrazia Costituzione” per le ragioni esposte e dopo aver messo a punto alcuni principi fonda-mentali ai quali, secondo la propria opinione, la nuova legge elettorale sarda dovrebbe ispirarsi, ha proposto al presidente Ganau un incontro pubblico, nel quale illustrare le rispettive posizioni. L’iniziativa si svolgerà lunedì 3 aprile, alle ore 16,30, nella sala An-gioy della Provincia (piazza d’Italia). Sarà coordinato da Paolo Fois, professore emerito di Diritto Internazionale dell’Università di Sassari, il quale introdurrà le relazioni del presidente Ganau e di Omar Chessa, professore ordinario di Diritto Costituzionale dell’Università di Sassari, che illustrerà il punto di vista del Comitato sull’argomento. Il dibattito che seguirà sarà aperto al contributo dei presenti.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio