Bar e ristoranti del centro storico di Sassari pagheranno il 30 per cento della Tosap

Oltre alle modifiche alla Ztl, Palazzo Ducale si appresta ad introdurre ulteriori novità. Il regolamento dovrà essere approvato dal Consiglio comunale. Ieri il via libera in Commissione

 

SassariCorsoVittorioEmanueleSassari. Le novità relative alla Ztl nel centro storico di Sassari non riguardano solo il traffico, l’apertura di via Brigata Sassari, e le nuove aree pedonali. Cambiano anche le regole per bar, ristoranti, artigiani e tutti gli esercizi pubblici e commerciali che potranno occupare il suolo pubblico pagando una quota minima della prevista imposta. Le modifiche ai regolamenti del commercio e gli sconti sulla Tosap devono però essere approvati dal Consiglio, a differenza delle novità per il traffico dell’Area Blu, per le quali è sufficiente una delibera di Giunta.

Ieri pomeriggio la Commissione Finanze presieduta da Salvatore Sanna (Pd) ha dato il via libera alle nuove regole per gli esercenti. L’ultima parola spetterà al Consiglio. La misura è stata anticipata alla stampa ieri mattina nel corso della presentazione delle novità sull’Area Blu. «Per favorire la crescita di un centro commerciale naturale dobbiamo fare in modo che le vie siano occupate dai pedoni e dai consumatori, con una galleria dei negozi che può espandersi nella pubblica via. In tutta l’Area Blu e nel centro storico le attività commerciali, non solo bar e ristoranti, possa occupare suolo pubblico pagando il 30 per cento della tariffa ordinaria», ha spiegato il sindaco Nicola Sanna.

ZtlModifiche1Un’ulteriore novità riguarda il resto della città. «L’obiettivo – ha detto l’assessore alle Attività produttive Alessio Marras – è consentire a bar e ristoranti, in tutta la città, di posizionare pedane per tutto l’anno. Non ci saranno più quindi i limiti temporali previsti prima, cioè dal 1 giugno al 30 settembre». Le pedane di bar e ristoranti fuori dall’Area Blu saranno quindi ammesse per 12 mesi (i limiti invece rimangono per gli altri esercizi commerciali ed artigianali), superando le situazioni delle ultime settimane, nelle quali, nonostante il bel tempo, era imposta la rimozione delle strutture. La riduzione della tassa è prevista solo per la Ztl ed anche tutto il resto del centro storico. «In queste aree – ha aggiunto l’assessore al Bilancio Amalia Cherchi – tutte le tipologie commerciali potranno occupare suolo pubblico tutto l’anno con lo sconto del 70 per cento sulla Tosap. Lo sconto arriverà al 90 per cento per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche. Tanti potenziali clienti preferiscono oggi andare nei centri commerciali piuttosto che nei negozi del centro storico proprio per evitare le barriere. Inoltre è prevista una riduzione del 90 per cento della Tosap ai mercatini natalizi che occupano uno spazio pubblico all’interno di strutture comunali: non è possibile cancellare completamente il tributo perché la legge non lo permette».

SimoneCampus
Simone Campus

«Sono ovviamente molto soddisfatto che la Giunta abbia deciso di proporre al Consiglio una modifica di regolamento che tenga conto in parte delle mie proposte in Commissione», commenta il consigliere comunale del Pd Simone Campus. «Come si ricorderà infatti nella precedente seduta avevo avanzato l’idea di rendere libere per tutto l’anno le installazioni di pedane rimovibili per la somministrazione di alimenti e bevande. Oggi il regolamento accoglie questa prospettiva in considerazione delle modificate condizioni climatiche, aspetto però di cui c’è poco da rallegrarsi nell’ottica di una politica organica di riqualificazione urbana che va accompagnata da azioni culturali, infrastrutturali e di arredo urbano, sulla sicurezza e ovviamente connesse alla viabilità. Ritengo però che, in un’ottica di riqualificazione urbana e di recupero del patrimonio immobiliare pubblico e privato esistente, sia urgente mettere in atto tutte le azioni necessarie per il rilancio a livello locale del comparto edile, ad iniziare dagli sgravi ed incentivi per chi potenzia le energie rinnovabili. Da questo punto di vista – dice ancora Campus – credo sia importante sgravare dalle imposte non solo gli esercenti, ma dal prossimo bilancio di previsione anche le piccole imprese artigianali impegnate in opere di riqualificazione nel centro storico dall’imposta per l’occupazione di suolo pubblico dei ponteggi proprio ora che molti privati per sfruttare le agevolazioni fiscali sul rifacimento delle facciate in ottica di risparmio energetico e non solo». (lufo)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio