La Dinamo si arrende 80-66 alla Virtus

I sassaresi pagano un secondo quarto negativo che indirizza la partita dalla parte delle V Nere

Basta una Virtus Bologna stanca e non al top per superare una Dinamo Banco di Sardegna che dopo un buon approccio e un ottimo primo quarto, paga dazio nei secondi 10 minuti, consentendo ai padroni di casa di produrre un allungo che i sassaresi non sono più riusciti a ricucire. Nelle fasi finali del terzo quarto i biancoblù hanno avuto la palla del potenziale -4 ma l’hanno persa banalmente e da li in avanti Bologna non ha concesso più niente portando serenamente la barca in porto per l’80-66 finale. Il gioco spalle a canestro delle V nere, in particolare di Shengelia, ha fatto la differenza; in difesa il Banco ha alternato buoni momenti ad amnesie e black out che evidenziano ancora una volta quale sia in questo momento il principale problema di questa squadra e il tasto sul quale lo staff tecnico dovrà continuare a battere in palestra.

Sassari ha subito tantissimo anche a rimbalzo (39 vs 23), dove Shengelia (10 tirati giù per lui) ha dominato. Altri numeri: 24 vs 14 alla voce assist e superiorità netta anche in tutte le altre voci statistiche che certificano una sconfitta onestamente mai in discussione. Tra i singoli, male Tyree, per lui solo 5 punti e tanti tiri sbagliati, molti dei quali forzati. Idem Charalampopoulos (1/7 dal campo) inconsistente e impreciso, probabilmente (si spera) a causa delle sue ancora non ottimali condizioni fisiche. Entrambi hanno chiuso con un eloquente -5 di valutazione.

Bucchi vuole l’approccio giusto per contrastare i consueti inizi di gara devastanti dei bolognesi. E’ la chiave per provare a stare in partita. Dalla parte opposta, Banchi si aspetta che i suoi non sottovalutino l’avversaria e vadano oltre la stanchezza fisica e mentale data dalla gara di Eurolega disputata soltanto 48 ore prima. Il Banco parte a mille con una difesa aggressiva che fattura due palle recuperate in 20 secondi. La sfrontatezza di Tyree, McKinnie e Whittaker e la difesa energica funzionano; Bologna va sotto 0-6 e Banchi vuole subito un time out. I felsinei migliorano la difesa e producono il controbreak (5-6) Sassari inizia ad andare fuori giri. Abass da tre firma il sorpasso (8-6 al 6°). La difesa dei biancoblù collassa sui raddoppi in post basso e fatalmente è in ritardo sugli esterni che spesso si alzano e segnano. Così fa Smith con due triple consecutive. Per il Banco c’è un problema, Bucchi se ne accorge e interrompe la partita (14-10). Gombauld è leggero e spesso fuori posizione, serve maggior consistenza e il coach sassarese inserisce Diop e Cappelletti. Intanto Smith continua a sganciare artiglieria pesante bomba e Sassari si sfalda parecchio nella metà campo difensiva. Vanno dentro anche Treier e Gentile, in campo ora c’è dunque l’intero secondo quintetto. Kruslin da tre è provvidenziale per tenere i suoi a galla con sei punti consecutivi (17-18 e +1 Banco). Cappelletti è più ordinato di Whittaker e in coppia con Diop è più efficace dell’americano con Gombauld. da un loro pick and roll arrivano altri due punti prima della chiusura del quarto che, termina con Sassari sopra di due sul 18-20.

Gentile porta i suoi a +3, mentre Hackett si prende un tecnico per proteste arrivando a tre falli. E’ una fase nella quale un paio di fischi dubbi a favore del Banco scaldano un pochino il pubblico sugli spalti (22-28 e +6 Dinamo al 13°). La Virtus non ci sta e con caparbietà e aggressività ricuce e mette la freccia, grazie soprattutto alle giocate di Shengelia (29-28). Sassari è già in bonus, la Virtus ne approfitta e allarga la forbice con un devastante parziale di 12-0 (34-28), chiuso da un 1/2 dalla lunetta da Tyree (34-29 al 16°). Il tema tattico è sempre lo stesso, il Banco raddoppia su Shengelia, ma questo libera i compagni che a turno sfruttano le opportunità e Bucchi è ancora una volta costretto a chiamare un minuto con i suoi che iniziano a perdere contatto (38-29 e -9). La Dinamo è in grande difficoltà difensiva, mentre in attacco spadella da tre senza senso a conferma del momento di scarsa lucidità. Molti dei meriti sono comunque della difesa di casa, decisamente salita di tono. Charalampopoulos intanto ha 0/3 dall’arco ed è tremendamente inconsistente, dalla parte opposta Shengelia è dominante e oltre a mettersi in proprio, offre continui assist per i compagni. Bologna dopo aver toccato il +12, va al riposo in vantaggio sul 45-35. Per rimettere la partita in piedi alla Dinamo serve prima di tutto una maggiore applicazione organizzata in difesa. Il 65 a 27 di valutazione in favore dei padroni di casa lascia poco spazio a interpretazioni fantasiose.

La Dinamo non sbraga al ritorno in campo, Tyree si prende tanti tiri, spesso sbagliandoli, Sassari arriva a -6 (49-43 al 25°) ma Diop ha 3 falli e deve sedersi. L’attacco felsineo carica di falli la difesa biancoblù che, cerca come può di contenerlo e in parte ci riesce, i sassaresi però in attacco non hanno un leader e fanno davvero tantissima fatica. McKinnie cerca di limitare Shengelia in post basso, lo svantaggio della Dinamo oscilla sempre fra i 7 e 10 punti. Nel momento migliore del Banco che ha la palla del -4, Kruslin è troppo morbido nel passaggio al compagno e permette ad Abass di correre e schiacciare per il 59-50, mentre il pasticcio confezionato da Gentile e Gombauld offre a Pajola la tripla che sommata alla giocata da sotto di Mickey ricaccia il Banco indietro come non mai (-14 e 64-50) anche dal punto di vista psicologico.

La Dinamo ha una montagna da scalare e onestamente la sensazione è che il compito sia troppo difficile per quella che è attualmente la consistenza della formazione di Bucchi. Bologna tocca il +16, poi due canestri di Diop inducono coach Banchi al time out per evitare che i sassaresi possano ritrovare fiducia e coraggio e rendere più complicato il finale. Treier da tre porta i suoi a -8 (68-60); il Banco quantomeno ci vuole provare e lo fa con la difesa a zona che insabbia un pochino i meccanismi bolognesi. L’ingenuo fallo di Cappelletti sulla tripla di Lundberg ricaccia però dietro Sassari con l’azione che ricambia definitivamente l’inerzia della partita (71-60 al 35°) e la consegna ufficialmente fra le mani dei padroni di casa che chiudono 80-66.

 

Virtus Bologna – Dinamo Banco di Sardegna 80-66

Parziale quarti: 18-20 / 45-35 /  64-50 /

Virtus: Lundberg 10, Belinelli, Pajola 8, Smith 13, Mascolo, Cacok 2, Shengelia 10, Hackett 4, Menalo, Mickey 10, Abass 14, Cordinier 9. All. Banchi

Dinamo: Cappelletti 7, Pisano, Treier 11, Tyree 7, Kruslin 7, Whittaker 9, Raspino, Gentile 2, Diop 11, Gombauld 6, McKinnie 4, Charalampopoulos 2. All. Bucchi

Aldo Gallizzi

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio