Il Premio Ozieri diventa associazione di promozione sociale

Con Vittorio Ledda presidente, Pierluigi Saba vice e Marco Fenudi nuovo segretario. «Non smetteremo mai di ringraziare Antonio Canalis». Presto il calendario di eventi collaterali della 65ª edizione

Il grande libro del Premio Ozieri ha ora un nuovo capitolo. Martedì 25 giugno si è tenuta l’assemblea costitutiva dell’associazione di promozione sociale “Premio Ozieri di letteratura sarda Aps”. Il sodalizio, che da decenni porta avanti il più importante premio letterario in lingua sarda, non è più una semplice associazione culturale, ma un vero e proprio ente del terzo settore. Un passaggio necessario data la recente riforma dell’ordinamento in questione, ma non soltanto un obbligo adempiuto. Con la costituzione dell’Aps, il Premio Ozieri guarda ora a nuovi e più grandi orizzonti.

I sedici soci costituenti hanno approvato il nuovo statuto che prevede infatti delle novità. Ad iniziare dalla possibilità di ottenere contributi dai singoli cittadini in sede di dichiarazione dei redditi, senza nessun costo per i contribuenti. Il consiglio direttivo conferma le precedenti cariche sociali di Vittorio Ledda alla presidenza e di Pierluigi Saba alla vicepresidenza. Nuovo segretario sarà Marco Fenudi che succede ad Antonio Canalis dopo oltre 40 anni di segretariato nell’associazione.

«Non smetteremo mai di ringraziarlo – affermano Ledda, Saba e Fenudi – per il suo impegno costante e per aver fatto crescere ed evolvere il Premio seguendo le orme del fondatore Tonino Ledda». Antonio Canalis è ora consigliere insieme a Paola Basoli.

Il Premio Ozieri ha quindi ora una nuova e più definita associazione alle sue spalle tale da garantire una maggiore continuità a questa esperienza letteraria che non ha eguali in Sardegna. «Con l’Aps Premio Ozieri – aggiungono Ledda, Saba e Fenudi – proseguiremo nell’obiettivo di valorizzare la lingua sarda e le lingue di Sardegna, anche attraverso il lavoro di catalogazione delle opere pervenute fin dal 1956 e per il quale abbiamo ottenuto un finanziamento ministeriale, senza rinunciare al processo di modernizzazione del concorso e della poesia da tempo avviato in stretta sinergia e simbiosi con la qualificatissima Giuria presieduta dal professor Dino Manca».

In questi giorni l’associazione sta ultimando il calendario degli eventi collaterali alla 65ª edizione del concorso letterario e che inizieranno questa estate. Indicate tra le finalità dell’Aps anche le collaborazioni con altre realtà associative e con gli Enti locali. «Vanno assolutamente rimarcate – chiudono Ledda, Saba e Fenudi – la proficua sinergia con l’amministrazione comunale di Ozieri e l’interesse costante dell’assessore della Cultura Alessandro Tedde e del sindaco Marco Peralta ai quali riserviamo un grande ringraziamento».

Durante l’assemblea è stato ricordato anche il prezioso contributo del compianto Gerolamo Squintu, un contributo di passione e di idee portato avanti fin dai tempi di Tonino Ledda.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Pulsante per tornare all'inizio