Giuseppe Tomé, collezionista e mecenate

Sabato 23 marzo la Pinacoteca Nazionale di Sassari con la Scuola Civica di Musica lo celebrerà attraverso un itinerario guidato tra le opere in esposizione. Donò oltre 150 pezzi, oggi nella collezione del Museo

Ugo Rancati, Ritratto di Giuseppe Tomé, 1936

Alla scoperta di un personaggio importante per la storia della Sassari novecentesca: Giuseppe Tomé. Sabato 23 marzo 2024, alle 18, la Pinacoteca Nazionale di Sassari, in collaborazione con la Scuola Civica di Musica, celebra il generoso mecenate che lasciò alla città di Sassari tutti i suoi beni, a cominciare da una importante raccolta di opere d’arte, costituita da oltre 150 pezzi, che oggi fanno parte della collezione del Museo, con un evento dal titolo “Giuseppe Tomé. Collezionista e mecenate”.

A raccontare la figura di Giuseppe Tomé saranno la direttrice della Pinacoteca, Maria Paola Dettori, e lo scrittore Antonio Capitta. All’iniziativa interverranno il sindaco Nanni Campus e il presidente della Scuola Civica di Musica, Antonello Mura. Attraverso un itinerario guidato, il pubblico potrà conoscere le opere in esposizione di quasi tutti i più importanti artisti sardi del primo Novecento: Giuseppe Biasi, Filippo Figari, Carmelo Floris, Stanis Dessy e altri. In particolare, sarà visibile un’opera di fondamentale importanza dell’amico, Mario Delitala, come il grande bozzetto di La cacciata dell’arrendadore (1926).

Mario Delitala, Studio per la Cacciata dell’arrendadore, 1926

La serata sarà allietata dalle esibizioni degli allievi della Scuola Civica di Musica, istituzione che ha oggi sede in Palazzo Tomé, che fu per l’appunto dimora del generoso mecenate.

Ingresso gratuito per l’evento.

Per prendere parte all’iniziativa la prenotazione è facoltativa e si può effettuare all’indirizzo e-mail: drm-sar.pinacoteca.sassari@cultura.gov.it o al numero 079231560.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio