Associazione Franco Mura, concerto a Sassari

Sabato all’auditorium di via Monte Grappa l’Orchestra dei Fiati della Sardegna. L’obiettivo del sodalizio è creare un hospice anche in città e garantire l’accesso alle cure palliative

LogoAssFrancoMuraSassari. È in programma sabato 14 giugno alle 19 presso l’auditorium di via Monte Grappa 2/c a Sassari il concerto dell’Orchestra dei Fiati della Sardegna.

La “Associazione onlus Franco Mura” nata quasi due anni fa con l’obiettivo di sostenere l’applicazione della legge 38/2010 “disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”, attualmente disattesa nel nord Sardegna, conta circa 750 soci. Lo scopo dell’associazione è avere più voce e più peso nelle istituzioni e nella società civile per la tutela dei diritti della persona morente, della sua famiglia. La qualità della vita e la dignità della persona malata vanno difese sino all’ultimo. L’ associazione, presieduta da Enrico Mura, vuole essere un punto di riferimento per tutti coloro che gravitano attorno a questo mondo perché direttamente o indirettamente coinvolti e favorire la diffusione del volontariato e della solidarietà sociale nelle cure palliative.

L’Associazione si propone, tra le prossime iniziative, di organizzare: un convegno dibattito invitando i dirigenti Asl, Aou e i politici eletti alla regione, provincia e comune sulla situazione della applicazione della legge 38/2010 a Sassari e provincia; un convegno per sensibilizzare la cittadinanza sulla cultura delle cure palliative e delle realtà dell’hospice, dell’accompagnamento al fine vita; un convegno dibattito sul DAT (dichiarazione anticipata di trattamento, più comunemente detto testamento biologico) in collaborazione con l’Associazione Forense e l’Ordine dei Medici di Sassari. Punterà inoltre ad acquisire una maggiore conoscenza del territorio, ovvero a fare una mappatura dell’esistente: della sanità, dei servizi attivi, delle cooperative e associazioni di volontariato che ruotano e già agiscono per trovare punti di incontro e sinergie di sforzi. Punto dolente: a 18 mesi dalla sua fondazione l’associazione non ha ancora una sede sociale nonostante diversi incontri con le varie istituzioni.

Finora l’associazione ha incontrato autorità, amministratori cittadini e dirigenti della Asl e dell’Aou. Ha collaborato in alcune iniziative con l’Ordine dei Medici. Tra gli eventi da ricordare ci sono: la raccolta di firme dell’iniziativa “XIII giornata nazionale – estate di San Martino – Giornata contro la sofferenza inutile della persona inguaribile” organizzata dalla SICP-Sardegna in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Sassari; ha organizzato a Sassari presso l’Ospedale Civile e le Cliniche Universitarie “La Giornata del Sollievo 2013”; ha partecipato alle ultime 2 edizioni del “Il Giardino della Solidarietà”, organizzato da Ammi, Ail e Sardegna Solidale; ha organizzato l’evento – incontro “Ricordo di Franco Mura – I Diritti del Malato Terminale” il 5 ottobre presso la Scuola Fabrizio De Andrè a Sassari con la collaborazione del Primo Circolo Didattico di Sassari e la partecipazione del gruppo musicale HumaniorA. Inoltre per iniziativa dell’Associazione è stata presentata al Consiglio Comunale di Sassari la richiesta di istituzione del registro di raccolta dei testamenti biologici (sarebbe meglio chiamarla DAT = dichiarazione anticipata trattamento). Il documento, sottoscritto da 24 consiglieri, è stato illustrato da Gianpaolo Mameli. Il Consiglio Comunale all’unanimità ha deliberato l’istituzione del registro di raccolta dei D.A.T. o Testamenti Biologici. Il 21 dicembre scorso è stato fatto un banchetto propagandistico di campagna informativa ed iscrizione nuovi soci presso la galleria del Centro Commerciale “La Piazzetta”. Il 7 febbraio l’Associazione ha partecipato all’iniziativa “Diritti al caffè” presso il Caffè dei fratelli Tola (piazza Tola – Sassari) avendo fatto inserire tra gli argomenti sociali di discussione il tema relativo al “Fine vita”. Il 15 marzo scorso in occasione del IV anniversario della legge 38/2010 l’Associazione ha partecipato, nella sede dell’Ordine dei Medici ad una conferenza stampa sulla situazione della mancata attuazione (di detta legge) nel nord Sardegna ed in particolare nel nostro territorio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio