Alla scoperta della Faradda: Conte incontra i gremi

L’ex presidente del Consiglio è stato accolto nella sede dell’Intergremio. Donato un volume sulla storia della festa di Sassari

Sassari. Giovedì pomeriggio, tra gli incontri programmati durante la visita a Sassari di Giuseppe Conte, presidente del M5s ed ex presidente del Consiglio, c’è stato anche quello dedicato alla scoperta della Discesa dei candelieri, in particolare con il mondo dei gremi. Accolto nella sede dell’Intergremio (nel cuore del centro storico, dietro l’ex Infermeria San Pietro) dal suo presidente Fabio Madau e da una rappresentanza di gremianti, Conte ha ascoltato con grande interesse la ricostruzione storica della presenza dei gremi nella storia di Sassari e della Faradda del 14 agosto, con una ampia descrizione anche delle caratteristiche dei grandi ceri di legno. L’incontro è stato introdotto dal senatore Ettore Licheri, socio onorario del gremio dei Massai.

«Rappresentiamo con orgoglio la città di Sassari nel giorno della Faradda, il 14 agosto di ogni anno. La nostra è una festa di popolo, che è da sempre un elemento imprescindibile. Adesso stiamo cercando di rivolgerci in maniera diversa rispetto al passato, anche perché da un lato i gremi sono una realtà molto viva, dall’altro la festa deve tenere conto del riconoscimento di bene immateriale dell’Unesco nell’ambito della Rete delle feste italiane con le grandi macchine a spalla». Il popolo, quindi, è protagonista della Discesa, insieme all’aspetto religioso, perché si scioglie un voto all’Assunta, e al momento civico, con la presenza della Municipalità. «Non dimentichiamoci – ha voluto rimarcare il senatore Licheri – che si tratta di una festa divertente per tutti tranne che per il sindaco, che affronta il giudizio dei cittadini». Con una proposta (meglio, una provocazione): «Sarebbe bello sottoporre a un passaggio di questo tipo anche il presidente del Consiglio».

Al termine è stato donato al presidente Conte, molto interessato per la ricostruzione storica della Faradda, il volume curato alcuni anni fa da Carlo Antero Sanna sui gremi e i candelieri. (lf)

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio