Un suldhaddu sassaresu i’ l’isthoria di la Gherra Manna

26 luglio 1915: «Caro fratello, dimmi se questa cartolina ti piace». Di Fabritziu Dettori

Pietro Luigi Dettori in dibisa

Candu fabiddemmu di la Gherra Manna a noi sardhi tzi veni subiddu in menti la Brigata Sassari, ma so umbè li sardhi chi ani posthu lu matessi sacrifitziu puru in althri brigati. So, sobratuttu, li chi si so auddi a suldhaddà in chissu sivviziu ubbrigatoriu di leba a primma chi ischupiesi la gherra, e primma, tandu, di la custhituzioni di “Sa Brigata tataresa” i’ lu 1 di matzu 1915.

Vurimmu cuntà di un pitzinnu sassaresu chi nascisi in Sassari lu 15 d’aosthu di lu 1894 e chi a vint’anni è rimasthu mutiraddu. La vidda soia a primma di chissa disdhiccia era chissa normari di un giobanu chi passaba li dì a trabaglià i’ l’orthi soi e cumenti isthagninu.

Gumpiddu lu 28 d’abriri 1914 ischumentzesi l’antua soia cun chissu sivviziu ubbrigatoriu chi tandu era di dui anni. A cabidannu di chiss’annu matessi l’Isthaddu l’incuadresi i’la Brigata Savona, la di 15 fanteria in Caserta.

L’Itaria chi a printzipiu si dichiaresi “neutrale” in chissa gherra mundiari lagaba calche ipirantzia a chissi giobani e a li famirii d’eddi. Chiss’Isthaddu parò, aprittaddu da l’interventisthi, intresi in cunfrittu lu 24 di maggiu di lu 1915, a tzincuant’anni da l’uniddai puritica e a cuattr’anni da l’isthragu di dezi operai sardhi a Itri, tandu in prubintzia di Napuri. Una ditzisioni pigliadda, a la cua di lu Parlamento, da tre ommini: Vittorio Emanuele III, Antonio Salandra presidente del Consiglio e Giorgio Sidney Sonnino ministro egli esteri, in chissu Patto segreto di Londra tra la Frantza, Russia, Imperu Britannicu. Chisthu accordhu s’ischubiesi soru i’lu 1917 gratzie a li bolscevichi chi ni desini nutitzia candu cu’ la riburuzioni pigliesini lu poteri. Pa l’Itaria l’ischopu di chissa gherra, in basi a chissu pattu, era di pigliassi Trento, lu Trentinu, lu Südtirol, Trieste, Gorizia, Gradisca, Venezia Giulia, tutta la pinisura di l’Istria fintza a lu goifu di Quarnaro cu’ l’isuri di Cherso e Lussino, la Dalmazia cun tutti l’isuri di lu nord, tandu li tziddai di Zara, Sebenico, Traù, lu pretettoraddu di l’Albania e li tziddai di Valona, l’isura di Saseno, l’arcipelagu grecu di Dodecanneso in Asia minori, la tziddai turca Adalia e una parthi di li curunii tedeschi di l’Africa. No soru tandu una gherra chi abaristia cumpriddu lu Risorgimentu e daddu pristhiggiu a l’Itaria, ma v’era un prugettu propiamenti imperiaristhiggu. Una puritigga, e una guerra patriottica, tandu, fóra da l’intaressi di la Sardhigna e di li sardhi.

Pietro Luigi Dettori

La passona chi cuntemmu è Pietro Luigi Dettori, figlioru di Lorenzo, orthuranu, e Maddalena Pinna, casandrina. Eddu era ‘ià suldhaddu da tredizi mesi e propiu in chissu mesi di maggiu lu fesini capurari. Lu cuattru di lampada giumpisi «in territorio dichiarato in istato di guerra» di Campoformido a la dipendenza di la di 20 dibisioni e tandu a lu di 10 coipu d’aimmadda. Daboi di calche dì era i’ la linea di l’Isonzo, a lu nimizi di l’althubianu carsicu da indì l’isdhombaddesini in cumbattimentu, in chissa funtumadda La prima battaglia dell’Isonzo, tenta da lu 23 di lampada a lu 7 di triura. Una gherra di trincea cuntinua, nossoru contr’a chissi di l’althra parthi, ma fintzamenta contru a lu freddu, la puritza, lu pidocciu e li sorigghi, chi, ipezia la notti, mussigabani, ma sobratuttu contru a la fammi. Lu ranciu era infatti una suppa di caura o pattatu e, candu v’era, un petzu di pani tosthu, candu no abia lu muggori puru. E pa la patria la paga pa dugna suldhaddu era di 0,90 centesimi di lire a la dì.

Lu 25 di lampada la Brigata Savona cu’ lu di 15 e lu di 16 fanteria, giaggaraddi l’inimmigghi, occupesi li muntiggi di Polazzo. Calche dì fattu cunchisthesi puru una basi forthi e impurthanti chi l’austhriaci abiani i’ lu monti Sei Busi. Chissa prima battaglia fesi, da la parthi itariana, 2000 morthi, 12000 firiddi, e di 1500 ommini no s’è sabuddu più nudda. E è a cuota 111, in chissu inferru di la spallata di Polazzo, chi lu 2 di triura abarà a ciambà pa sempri la vidda di chissu giobanu: una balla esprusiba di fusiri li fesi brincà lu pedi di manca candu era currendi contru a l’innimiggu.

In chissu muriggori d’ippari, tzichirri, eba fruscha, poivara, Pietro Luigi caggisi a terra i’ lu lotzu, tra li troni di lu tempurari e li soni di la gherra. In chissi dì l’editoriari di Il Resto del Carlino ischribia: «Pare che le condizioni atmosferiche abbiano fatto lega coi nostri avversari per rendere più penosa l’opera delle nostre truppe. Ma questa, con tenacia inalterabile, sopportano gli incomodi del freddo, dell’umidità, della nebbia, del fango veramente insoliti in questa stagione, e proseguono tranquillamente il loro arduo compito. Di tutto questo non dobbiamo lagnarci. La nostra guerra non è stata fatta solo per motivi di conquista o di sicurezza nazionale, ma anche per alte ragioni morali. Essa è un grande «esame» che l’esercito italiano affronta dinanzi alla coscienza propria e dinanzi all’attenzione del mondo. Quanto l’esame è più difficile, tanto più evidente e indiscutibile sarà il merito di averlo superato. I nostri soldati potranno vantarsi d’aver vinto non solo un nemico ostinato e formidabilmente fortificato, ma anche un complesso di fenomeni naturali che paiono scatenarsi da una volontà maligna».

No pudimmu sabé si in chissu “esame” Dettori tzichirriesi “Avanti Savoia!”, o si a li Savoia tzi li mandesi innorammara, e ca friguri li passesini i’ l’occi in chissu tragicu mamentu, indì la morthi si tzi lu vuria aggiumpà.

Fabritziu Dettori

Ritrati di l’archibiu Dettori

[cuntinua]

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio