Sì al Puc di Sassari anche da Tonino Falchi

Il consigliere comunale, decano di Palazzo Ducale, dà appuntamento al prossimo piano regolatore. «Sarà tra 40 anni? Io ci sarò!». Nel 1987 votò il Piano Regolatore che va adesso in pensione

 

ToninoFalchi
Tonino Falchi

Sassari. «Ho visto altri piani regolatori. Come quello del 1975, completato nell’aprile 1980, quando arrivò in Consiglio per presa visione ma la Giunta di sinistra di allora rinviò tutto a dopo le elezioni, convinta di vincerle. Invece le perse. O l’altro piano, quello approvato nel 1987: iniziarono subito le varianti. E poi l’altro piano previsto da Anna Sanna, abortito nel 2000». Tonino Falchi è la memoria storica di Palazzo Ducale. In Consiglio comunale dal 1975, per la Dc è stato anche assessore. Rieletto ininterrottamente anche dopo la fine della “Balena bianca” sempre in liste di centro di ispirazione democristiana, fino al 2010, quando con l’Udc mancò la conferma. Ma lo scorso maggio è rientrato a Palazzo Ducale con l’Upc. «Ho votato ovviamente a favore. Stavamo aspettando questo Piano da anni ed occorreva dare risposte alla città. Adesso diamoci appuntamento al prossimo piano regolatore. Tra 40 anni? Io ci sarò!», ha scherzato dopo la votazione di martedì sera. (lufo)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio