Quattro punti per salvare la lingua sarda

Dalla riunione promossa dall’Istituto Bellieni una richiesta di intervento alla Giunta regionale. Michele Pinna: «Occorre abbandonare le visioni personalistiche e ripristinare al più presto l’Osservatorio»

IncontroPinnaBellieni2Sassari. Tutelare chi lavora nel mondo della lingua sarda, portare il sardo nelle scuole, ripristinare i compiti dell’Osservatorio regionale e rilanciare l’editoria specializzata in questo momento di grave crisi. Sono questi i punti approvati venerdì sera nella sala conferenze dell’Istituto Camillo Bellieni al termine di un incontro molto partecipato e a tratti acceso, che ha riunito esponenti del movimento linguistico, poeti, scrittori, autori di teatro, rappresentanze di associazioni, giornalisti, operatori degli sportelli linguistici comunali, insegnanti e appassionati, con il fine di tutelare la lingua sarda e i posti di lavoro che in questi anni si sono formati intorno a essa. Tutte le criticità sono state inserite in un documento che sarà presentato alla Giunta regionale, perché siano prese in considerazione nella prossima Finanziaria.

Ha introdotto i lavori Maria Doloretta Lai, presidente del Bellieni, seguita da Michele Pinna, direttore scientifico, che ha sottolineando la necessità di abbandonare le visioni personalistiche e ritornare a una politica linguistica partecipata. Numerosissimi gli interventi a seguire.

IncontroPinnaBellieni1Tutto parte dalla considerazione che in questi anni molti giovani hanno acquisito professionalità e sono diventati un punto importante per la difesa e la promozione della lingua sarda. Per questo occorre rafforzare le attività già intraprese come quelle degli uffici linguistici comunali.

È importante che la lingua sarda entri nelle scuole come percorso formativo curriculare, uscendo dall’occasionalità dei progetti: «Domandiamo alla Giunta regionale – afferma Pinna – di impegnarsi al riguardo ad aprire quanto prima un tavolo con la Soprintendenza scolastica e con il Governo».

Altro tema di primaria importanza è il ripristino dei compiti istituzionali dell’Osservatorio regionale sulla lingua sarda. Questo organismo, nato con la legge 26 del 1997 per dare indicazioni di politica linguistica al competente assessorato non è più stato riunito: deve ritornare a essere espressione sia del Consiglio Regionale che delle Province, sia dell’Università come di tutte le altre istituzioni culturali.

Non poteva mancare la tutela di settori come l’editoria e il giornalismo, in crisi come pochi, che proprio grazie agli interventi sulla lingua sarda potrebbero ottenere una boccata di ossigeno.

Durante la serata sono state presentate alcune delle ultime pubblicazioni del Bellieni: “Ballare in sardo”, “Prèigas” e il nuovo numero della rivista “Sesuja”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio