Miracolo di Natale a Balai

Il 20 dicembre solidarietà e spettacolo davanti alla chiesa e all’ipogeo. Da Bonaria un ponte tra Cagliari e Porto Torres per aiutare le persone in difficoltà

 

 

MiracoloNataleconfstampaPorto Torres. Il “Miracolo di Natale” unisce il nord e il sud Sardegna. La raccolta di generi alimentari e giocattoli che da diciotto anni “colora” di solidarietà la scalinata della Basilica di Nostra Signora di Bonaria, a Cagliari, approda anche a Porto Torres. Sabato 20 dicembre, per la prima volta, un’altra suggestiva scalinata che si affaccia sul mare, quella della chiesa di Balai, diventerà un centro di raccolta delle donazioni destinate alle famiglie e ai bambini in difficoltà.

L’evento, patrocinato dall’amministrazione comunale, è stato proposto da Marco Pireddu e da don Michele Murgia. «È una bella iniziativa che unisce lo spettacolo alla solidarietà e che si svolgerà in uno dei luoghi più belli della nostra città», hanno sottolineato questa mattina, durante la conferenza stampa di presentazione, il sindaco Beniamino Scarpa e l’assessore allo Spettacolo, Costantino Ligas. «Così come previsto dal format creato da Gennaro Longobardi, ideatore e conduttore della trasmissione televisiva “Per la strada” – ha spiegato Marco Pireddu – i generi alimentari e i giocattoli saranno raccolti dalle 9 alle 21 e dovranno essere disposti nella scalinata della chiesa. Durante la giornata ci saranno quattro collegamenti in diretta con l’emittente Sardegna Uno, che seguirà sia la nostra manifestazione che quella di Cagliari. Abbiamo chiesto a diversi artisti di animare l’appuntamento con canti, danze, reading letterari e siamo aperti a ulteriori proposte che arriveranno in questi giorni». La prima adesione è quella di Marino De Rosas, virtuoso della chitarra e ospite speciale dell’evento. «Balai è solitamente un luogo in cui le persone si recano per chiedere. In questa occasione hanno l’opportunità di dare. La solidarietà – ha affermato Don Michele Murgia, parroco della Chiesa di Cristo Risorto – non deve essere ricondotta a situazioni di tristezza: se esistono persone in fila perché hanno bisogno di qualcosa, esiste anche una fila di persone che si adoperano per loro, perché il “dare” rende migliore “chi dà”. Un gesto di carità può produrre a cascata altre azioni caritative». Nel “Miracolo di Natale a Porto Torres” verranno coinvolte anche scuole e associazioni di volontariato. Chi intende presentare la propria proposta per partecipare all’iniziativa può farlo scrivendo una e-mail all’indirizzo info@cristorisorto.net.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio