Al mare con l’Atp, prove tecniche di azienda di bacino

Da domenica 15 giugno i servizi estivi. In tutto 136 corse giornaliere, che garantiranno i collegamenti da Balai fino alla Tonnara con Sassari, Porto Torres, Sorso e Sennori

AtpSassari. Partiranno domenica i servizi estivi che l’Atp, l’Azienda Trasporti Pubblici sassarese, garantirà fino al prossimo 15 settembre. Sassari, Sorso, Sennori e Porto Torres saranno così collegate con il litorale grazie ad una rete di mezzi pubblici, da Balai alla Tonnara, attraverso Platamona e Marritza. Ogni giorno saranno garantite 136 corse, con 60 autobus che passano alla Rotonda di Platamona con una media di uno ogni 5 minuti. Si tratta di un bacino stagionale sviluppato dal 2007 e che lo scorso anno ha superato i 30mila passeggeri. «È un primo tentativo di area vasta dei trasporti. L’abbiamo costruito in casa, con una sperimentazione per ora solo estiva. È bastata l’intuizione di quattro Amministrazioni per capire che si può migliorare la mobilità», ha detto venerdì mattina nella sede di Caniga il presidente dell’Atp Leonardo Marras, che ha presentato i servizi estivi insieme ai sindaci di Sassari, Nicola Sanna, Sorso, Giuseppe Morghen, e Sennori, Roberto Desini.

SannaMarras
Nicola Sanna e Leonardo Marras

“Al mare con Atp” è il nome del progetto. Si parte da un obiettivo limitato nel tempo, la stagione estiva, ma si punta a qualcosa di più ampio. «Sono prove tecniche di azienda di bacino, è questo il messaggio. La questione della mobilità nell’area vasta è la questione principe per lo sviluppo: consentire adesso la fruizione delle spiagge, raggiungendole con una frequenza di mezzi, e in futuro garantire collegamenti più ampi», ha ricordato Nicola Sanna. Oggi quindi si dà una prima risposta reale ai cittadini, che a causa della situazione economica utilizzano meno le loro auto o, addirittura, rischiano sanzioni per violazione del Codice della strada non avendo rinnovato l’assicurazione, con una percentuale del 10 per cento sul numero complessivo di multe stradali. «I dati presentati dimostrano che l’iniziativa dell’Atp è produttiva. Il servizio pubblico è importane che sia il più frequentato possibile. Il 75 per cento del costo a km è a carico della collettività. Ecco perché gli autobus devono essere pieni. L’Azienda Trasporti sassarese questo obiettivo lo ha tenuto presente ed i risultati si vedono. Gli autobus di altre aziende invece trasportano aria, con un basso coefficiente di riempimento», ha detto ancora Sanna. «Dobbiamo integrare tutte le modalità di trasporto ed impegnarci come area vasta. La linea ferroviaria Sassari-Porto Torres delle Ferrovie dello Stato è di fatto dismessa. È uno scandalo». Un ulteriore progetto vedrebbe il prolungamento del treno da Sassari a Sorso (dell’Arst-Ferrovie della Sardegna) fino alla Marina, inserendo l’intervento in un programma più ampio di sviluppo turistico.

AtpPresentazioneTratteestive1«Abbiamo una fascia costiera di 15 km, che deve essere raggiunta dai cittadini nel migliore dei modi. Le Amministrazioni devono dialogare. Parliamo di mobilità nella Romangia, ma questo di oggi è un discorso davvero di area vasta», ha detto Giuseppe Morghen. Già nel 2015 la strada per la Marina (e poi anche la litoranea) sarà completamente rinnovata, con le piste ciclabili finanziate dalla Regione. «Stiamo dimostrando che seppure senza grandi disponibilità economiche si possano fare cose importanti. Facciamo ragionamenti di squadra. Con queste politiche stiamo stimolando gli utenti ad utilizzare il trasporto pubblico locale», ha aggiunto Roberto Desini, che ha inoltre preannunciato che la collaborazione tra le amministrazioni di Sennori e Sorso porterà a breve alla creazione di un corpo intercomunale di polizia municipale della Romangia.

Luca Foddai

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio