Le tavole da surf sarde sulle onde degli oceani

Il successo di “Italian Waves”, l’azienda del nord Sardegna che produce tavole da surf ecosostenibili e le esporta in tutto il mondo

Ecosostenibilità massima, quote rosa al 50%, innovazione e rapporti commerciali con con i top brand mondiali del settore tavole per sport acquatici. Questo è tanto altro è Italian Waves l’azienda sarda che produce tavole da surf ecosostenibili e le esporta in tutto il mondo.

Michele Piga 44 anni, sassarese, 6 anni fa ha creduto in un progetto, dice lui, “un po’ folle”, perché paradossalmente non esistono tavole da surf ecosostenibili e il fatto che quest’idea sia arrivata dalla Sardegna e non in California o nelle Hawaii, è certamente un elemento rilevante. E la Italian Waves è l’unica azienda al mondo che ha puntato tutto sulla sostenibilità, arrivando a livelli top. Una bella storia che ha portato questa piccola realtà, con sede nella zona artigianale di Ungias Galantè ad Alghero, ad essere anche la fornitrice della “Duotone” (azienda leader nel settore) con la gamma esclusiva “Concept Blue” (linea creata appositamente per la “Duotone”) e del campione del mondo in carica di kite surf Matchu Lopes.

Nessun solvente, nessuna vernice, ma resine di origine vegetale, niente fibra di carbonio ma fibra di basalto. E tanto sughero, che in Sardegna si trova in abbondanza. Un altra particolarità che rende l’azienda unica al mondo è la produzione dell’interno della tavola in materiale compostabile, cosa che rende la tavola stessa biodegradabile al 95%. L’azienda sarda è riuscita a sposare sostenibilità e performance, ottenendo riconoscimenti dai leader mondiali del settore. Innovazione anche nel desing delle tavole, dove l’onesta costruttiva dei processi lascia le fibre a vista, senza mascherature, mantenendo allo stesso tempo le eleganza ed efficacia estetica.

Italian Waves è entrata nel 2021 nella top ten della selezione ISPO, una delle competizioni più importanti a livello mondiale per quanto riguarda le innovazioni in campo sportivo, ottenendo un prestigioso riconoscimento che ha fatto balzare l’azienda con sede ad Alghero agli occhi dei più importanti brand del settore.

Un’ azienda in grande crescita ed evoluzione, per sposare le esigenze e la grande richiesta del mercato, sta modificando i propri processi produttivi mantenendo però gli standard sostenibili che la caratterizzano. E in quest’ottica si è cimentata anche nel campo nautico, producendo la prima barca ecologica realizzata un Sardegna, un esemplare unico, un prototipo della deriva più diffusa al mondo, quella con cui i bambini imparano ad andare in mare e a veleggiare, l’optimist. Costruito anch’esso in fibra di basalto, con un simil polistirolo compostabile e con sughero, a differenza delle altre imbarcazioni di vetroresina, materiale di difficilissimo smaltimento, l’optimist che la Italian Waves ha realizzato per la Nox Oceani l’anno scorso.

I dipendenti della Italian Waves sono dieci, cinque uomini e cinque donne: al gentil sesso sono affidati i lavori che richiedono maggiore precisione, cura del dettaglio e abnegazione come del resto avviene spesso in campo nautico. Sostenibilità, quote rosa e tanta innovazione rendono questa piccola, grande realtà isolana un fiore all’occhiello nel panorama produttivo del nostro territorio che, ha destato l’attenzione dei più importanti brand che operano nel settore della produzione di tavole per sport acquatici.

Aldo Gallizzi

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio