“La Formula della Creazione”, venerdì mattina a Sassari Michelangelo Pistoletto

Nell’aula magna dell’Università dialogo con il direttore nazionale di Legambiente Giorgio Zampetti

Sassari. Uno degli artisti viventi più concettuali ispirati apprezzati e sensibili del globo, Michelangelo Pistoletto. Un libro di 347 pagine (“La formula della creazione”, editore Cittàdellarte Biella) che attraverso 31 passi porta dalla genesi del lavoro del maestro alla genesi dell’u-diverso e – in parallelo – alla genesi di una nuova società. Un luogo simbolo del saper sassarese, isolano e nazionale: l’Università degli Studi di Sassari. Una vera “Istituzione ambientale” a difesa della sostenibilità e dell’ambiente sempre attenta alla difesa delle meraviglie della creazione. Un evento da rosso sul calendario costruito su questi tre straordinari elementi, voluto da Legambiente Sassari e fissato per le 10 di venerdì 22 settembre nell’Aula Magna dell’Università. A Dialogare con il maestro sarà il presidente nazionale di Legambiente Giorgio Zampetti. In platea saranno presenti rappresentanze di studenti del liceo “Azuni”, del liceo “Spano”, della scuola media “Salvatore Farina” e dell’Università di Sassari. Introduce il giornalista Giovanni Dessole.

Proprio in occasione dell’arrivo in città del maestro Michelangelo Pistoletto, Michele Meloni di Legambiente Sassari, accompagnato dall’assessore comunale all’Ambiente Antonello Sassu, ha donato alla Biblioteca comunale di piazza Tola tre copie del libro “La nascita della creazione”, necessaria occasione di condivisione, implementazione, approfondimento e valorizzazione dei concetti applicati dal maestro al suo scrivere e al suo creare artistico (vedi “Il Terzo Paradiso”). Un invito reale e forte a che ogni singolo individuo ad assumere una personale responsabilità nella visione di un insieme globale. A tale fine occorre innanzitutto ri-formare i principi e i comportamenti etici che guidano la vita comune, come suggerisce l’editore Cittàdellarte.

«Legambiente ha voluto questo momento, fermamente convinta che l’arte sia uno strumento formidabile di trasmissione del messaggio di sostenibilità che da sempre l’organizzazione no profit portiamo avanti – commenta Michele Meloni –. Da quest’anno, oltre alle altre attività educative grifate Legambiente, veicoleremo il messaggio contenuto nel concetto di “Il Terzo Paradiso” nelle scuole della Sardegna, immaginandole come grembo generativo di una nuova umanità, ideale superamento del conflitto distruttivo in cui natura e artificio si ritrovano a coincidere nell’attuale società». Sarà questa solo la prima di una serie di azioni di educazione alla sostenibilità messe in campo da Legambiente sul territorio. «La consapevolezza parte dalla conoscenza e noi di Legambiente, come sempre, faremo la nostra parte. Siamo convinti che i giovani del nostro territorio sapranno attivarsi per tutelare al meglio lo splendido patrimonio culturale e naturalistico nel quale abbiamo la fortuna di vivere. Patrimonio che porta orgoglioso e fiero il nome di Sardegna», conclude Meloni.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio