La Dinamo testimonial della campagna “La Sardegna sì dona”

L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella sede della Regione Sardegna a Cagliari. Presente una delegazione biancoblù

Come ogni anno si rinnova l’invito a donare il sangue, un piccolo gesto che può essere di vitale importanza per chi ne ha bisogno. Il tema è caro a Dinamo e Fondazione Dinamo che, ormai da anni portano avanti con entusiasmo la campagna di sensibilizzazione su scala territoriale e nazionale. L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella sede della Regione Sardegna, in viale Trento a Cagliari. A fare da padrone di casa l’Assessore dell’igiene, della sanità e dell’assistenza sociale Carlo Doria insieme alla delegazione della Dinamo Banco di Sardegna composta dal presidente Stefano Sardara, i giocatori Ousmane Diop, Jack Devecchi e Luca Gandini, testimonial della campagna promossa dalla Regione Sardegna, insieme a Maria Giovanna Cherchi e tanti artisti isolani.

Come sottolineato dal numero uno biancoblu Stefano Sardara: < Sono molto felice che l’Assessore e l’Assessorato della Sanità abbiano voluto dare un segnale forte al territorio: il tema della donazione del sangue è un tema nazionale, in Sardegna abbiamo delle patologie che richiedono maggiore sangue rispetto alle altre e siamo una regione virtuosa. Come Dinamo è una tematica alla quale siamo molto attenti e siamo contenti di essere qui. Donare è qualcosa di utile ed è giusto ricordarlo e metterlo come prioritario. Sono contento di aver accompagnato i ragazzi con la speranza che molti giovani e molti sardi possano prendere esempio ed essere incentivati a farlo >.

A fargli eco il capitano Jack Devecchi: < Arrivo da una famiglia di donatori, come ha detto il presidente siamo sempre stati attenti a questo genere di iniziative e adesso che ufficialmente non giocherò più potrò farlo in prima persona con più regolarità. Invitiamo i giovani a farlo, è qualcosa che fa bene, andate a donare e fatelo con regolarità >.

Le parole di Ousmane Diop: < E’ un piacere essere qui oggi, rappresentare la Dinamo e fare da ambasciatore a nobili cause come queste è un onore. Sono temi che sento vicini, nel mio paese è una problematica diffusa quindi non potrei essere più felice di fare da testimonial e sensibilizzare i più giovani >. Conclude Luca Gandini: < < Io non donavo per pigrizia e ignoranza, e invece è qualcosa che può servire. Siate generosi, non ve ne pentirete >

Tra i numerosi testimonial della campagna la cantante Maria Giovanna Cherchi, il tenore Francesco Demuro e Pino e gli anticorpi.

La Sardegna sì dona è dunque una campagna di sensibilizzazione per le donazioni di sangue in collaborazione con Struttura Regionale di Coordinamento per le Attività Trasfusionali e le associazioni Avis, Fidas, Fratres e ThalassAzione.

L’obiettivo è da un lato incrementare il numero dei donatori, dall’altro, fornire informazioni su come e dove donare, accentuando la consapevolezza del valore del dono e della solidarietà. La Sardegna è una delle Regioni in cui si dona di più ma non basta, serve una più consapevolezza e un maggiore coinvolgimento dei cittadini per far crescere la cultura delle donazioni, salvare e curare molte vite. Un’unica donazione di sangue può essere utilizzata fino a tre pazienti che ne hanno bisogno e le tipologie di donazione possono essere diverse:

Si può donare il sangue intero, utilizzato soprattutto per la produzione degli emocomponenti (plasma, piastrine, globuli rossi). Possono donare sangue intero tutte le persone di età compresa tra 18 e 65 anni (salvo diverse indicazioni del medico). Gli uomini e le donne in età non fertile possono donare quattro volte all’anno con intervallo minimo 3 mesi, mentre le donne in età fertile possono donare massimo due volte all’anno anche in questo caso con un intervallo minimo di 3 mesi.

La redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio