“Ciondolino”, sabato un racconto tra le note a StintinoJazz

Il 6 luglio al Porto Vecchio la fiaba musicata da Stefano Garau

Stefano Garau

Stintino. Sarà il Porto Vecchio di Stintino lo speciale teatro che ospiterà sabato 6 luglio alle 21,30 la messa in scena del racconto musicale “Ciondolino, ovvero delle molte cose grandi negli esseri piccoli”, musicato dal compositore sassarese Stefano Garau su libretto di Enrico Paci. La rappresentazione è inserita nella rassegna StintinoJazz&Classica, curata dall’Associazione culturale LABohème con Fondazione di Sardegna, Comune di Stintino e Museo della Tonnara. Ciondolino, liberamente ispirato al romanzo omonimo di Luigi Bertelli, è stato commissionato dal Festival delle Nazioni di Città di Castello, dov’è stato eseguito nel settembre scorso. A Stintino verrà proposto dai solisti e dal coro del Lolek Vocal Ensemble diretto da Barbara Agnello con il Gruppo strumentale LABohème formato da Anna Satta (violino), Annamaria Carroni (flauto), Marcello Melis (clarinetto), Luca Carta Mantiglia (violoncello), Gianmaria Nicoletta (percussioni) e Antonella Chironi (pianoforte), con la voce narrante di Filippo Lacana.

La divertente fiaba ideata da Luigi Bertelli – più noto come Vamba, autore del fortunato Giornalino di Gian Burrasca – narra di tre fratellini alle prese con l’aritmetica e la storia, invidiosi degli animali che vivono liberi dallo studio e che per questo vengono con un incantesimo trasformati in insetti. «Musicare la fiaba di Ciondolino è stato un lavoro complesso, faticoso, ma anche divertente ed istruttivo», spiega il Maestro Stefano Garau, che, per rendere in musica alcuni passaggi, in stile molto jazzistico ha fatto ricorso al “mascheramento” di alcune melodie conosciute e l’intonazione di alcune frasi con artifici musicali facilmente riconoscibili. Garau, diplomato in Armonia, Contrappunto, Fuga e Composizione, si è perfezionato nell’orchestrazione e nella composizione con Alberto Peyretti e con Bruno Tommaso per l’arrangiamento e la composizione jazz. La sua attività musicale spazia dalla musica colta a quella popolare, dal rock alla musica lirica. Nel 2006 ha vinto il primo premio al concorso internazionale di composizione “Scrivere in Jazz” di Sassari. Alcune sue composizioni sono state inserite nel catalogo della Biblioteca Ambrosiana di Milano. Ha collaborato in qualità di arrangiatore con i gruppi musicali Bertas e Tazenda. È il primo sardo al quale è stata affidata la direzione artistica dell’Ente Concerti “Marialisa De Carolis”, Teatro di Tradizione della città di Sassari, del quale ha curato le stagioni liriche dal 2017 al 2022, ottenendo larghi consensi di pubblico e di critica libera e indipendente. L’accesso al concerto è libero e gratuito come tutti gli eventi di Stintino Jazz&Classica.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Pulsante per tornare all'inizio