Il 3 e il 4 maggio Monumenti aperti

Sassari riscopre i suoi tesori. Nel 2013 registrati oltre 36mila visitatori. Tra le novità di quest’anno la chiesa di San Giuseppe (nella foto il duomo di San Nicola)

SanNicola
La cattedrale di San Nicola

Sassari. Nel fine settimana del 3 e 4 maggio parte da Sassari la diciottesima edizione di Monumenti Aperti. Con i numeri record dello scorso anno (oltre 36 mila visitatori) Sassari non poteva non confermare per il decimo anno la sua partecipazione alla manifestazione. La due giorni realizzata dall’Amministrazione comunale sarà occasione per riscoprire molti dei beni artistici e culturali della città, anche quelli che si trovano negli angoli più nascosti, in luoghi non sempre accessibili al pubblico.

I numeri dell’edizione 2013. Numeri da record per la IX edizione: 36.110 visitatori per i 49 siti aperti nel 2013 al pubblico. È stato ancora una volta il Museo della Brigata Sassari a registrare il maggior numero di visitatori con ben 2875 presenze segnalate all’interno della Caserma La Marmora. Grande successo anche per Casa Cugurra, tra le novità del 2013 (2223 visitatori), l’edificio storico in stile neobarocco situato in via Roma, e per l’ex ospedale civile Santissima Annunziata con 1994 presenze registrate nell’edificio che ospiterà la Biblioteca Universitaria di Sassari. Grande curiosità ha suscitato anche il rifugio antiaereo di via Giovanni Antonio Sanna che ha registrato ben 1205 visitatori. Come sempre grande merito alle centinaia di studenti (circa 900) degli istituti superiori cittadini e dei volontari delle associazioni che hanno aderito alla manifestazione, veri protagonisti dell’evento, impegnati a fare da ciceroni all’interno di chiese, monumenti e palazzi storici.

San Giuseppe
San Giuseppe

L’edizione 2014: 48 monumenti con 5 novità. Saranno aperti 48 monumenti con 5 novità rispetto alla passata edizione: le Stanze del Duca a Palazzo Ducale, la Scuola di San Donato, la chiesa di San Giuseppe, piazza Castello e i Giardini dell’Istituto Agrario. Riaprono due siti non presenti nella scorsa edizione: la tipografia Chiarella e la chiesa di Santa Maria di Betlem.

Anche in questa edizione i siti sono stati suddivisi in quattro percorsi tematici, per offrire al visitatore una prospettiva originale e omogenea della città.

Il primo percorso, relativo alla rete culturale e museale Thàmus, racchiude 10 siti: il Museo della Città con le sue sedi espositive Palazzo di Città, le Stanze e le Cantine del Duca a Palazzo Ducale e il Palazzo della Frumentaria, Palazzo Ducale, il Barbacane del Castello Aragonese, Palazzo d’Usini, Palazzo dell’Insinuazione, Palazzo dell’Infermeria San Pietro e l’altare prenuragico di Monte d’Accoddi.

Il secondo percorso si snoda nella parte bassa del centro storico: Cattedrale di San Nicola, chiesa di San Michele, Museo diocesano, chiesa di San Giacomo, palazzo Don Simone Manca di Mores, Mus’a Pinacoteca al Canopoleno, chiesa di Santa Caterina, chiesa delle Monache Cappuccine, chiesa di Sant’Apollinare, torre di Porta Sant’Antonio, Scuola di San Donato, chiesa di San Donato, Piazza Tola e la Tipografia Chiarella.

Il terzo percorso si snoda invece tra la parte alta del centro storico e la città umbertina e comprende: la cinta muraria, chiesa della Madonna del Carmelo, Palazzina Tomè, piazza Azuni, Museo Storico della Brigata Sassari, piazza Castello, Palazzo Giordano Apostoli con la Banca di Credito sardo, Banco di Sardegna con la sala Siglienti, Casa Cugurra, rifugio antiaereo di via G. A. Sanna, Museo Archeologico Nazionale G. A. Sanna e l’ex Ospedale Civile Santissima Annunziata.

Il quarto percorso interessa un circuito più ampio: il Palazzo dell’Università, la chiesa di Santa Maria di Betlem, la chiesa di San Giuseppe, Villa Sant’Elia, liceo artistico F. Figari, liceo classico D. A. Azuni, Palazzina Acquedotto, parco di Monserrato, cimitero monumentale, Convitto e Istituto Tecnico Agrario N. Pellegrini, i Giardini dell’Istituto Agrario, Santuario di Nostra signora di Latte Dolce, Chiesa di Sant’Anatolia e infine all’Argentiera il Museo della Miniera.

Eventi. Sono previsti in numerosi siti molti e diversificati eventi che contribuiscono a rendere più invitante e piacevole la due giorni sassarese.

PROGRAMMA

Sabato 3 maggio

Dalle 17.00 alle 19.00 in piazza Sant’Agostino, la Soprintendenza per i Beni Archeologici organizza il laboratorio di archeologia urbana “SSOUL. L’anima della città” in collaborazione con l’associazione culturale Laboratorio Provvisorio; alle 18.00 e alle 19.00 il Liceo musicale “D. A. Azuni” offrirà intermezzi musicali mentre piazza Università dalle 20.00 si animerà con “Arte in Musica”, organizzata dall’associazione culturale Eventisei. Il tributo a Lucio Dalla aprirà la serata, a seguire alle 22.00 “I Vaghi” – Tributo The Beatles. Nel Palazzo Infermeria San Pietro, a partire dalle 20.00 Incontro musicale col Duo Tradivaria a cura dell’associazione culturale Euterpe; alle 21.00 a Palazzo di Città, si terrà la performance-intervento installativo sulla Discesa dei Candelieri “Nico Vascellari * Ascesa (preludio)”, realizzata nell’ambito del progetto “Candelieri Residencies Art Program 2013” e organizzata dal Comune di Sassari in collaborazione con Progetto Contemporaneo, EXFÈ, Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali – Università di Sassari.

Sabato 3 e domenica 4 maggio.

Sabato dalle 17.00 alle 21.00 e domenica dalle 10.00 alle 21.00 saranno aperte diverse mostre: al Museo della Città – Palazzo della Frumentaria si potrà visitare “Splendori dal Giappone. Le storie del principe Genji nel periodo Edo e nelle incisioni di Miyayama Hiroaki”, a cura di Caterina Virdis Limentani, organizzata dal Comune di Sassari in collaborazione con Museo d’Arte Orientale di Venezia e l’associazione Tabularasa. Nella sala Duce di Palazzo Ducale: la Mostra “Rosari – Piccoli cosmi da scoprire”, dell’associazione Ma.Ma.. Al Museo Nazionale “G. A. Sanna” la mostra-evento “Stationes. Passione, resurrezione e devozione nel tempo” a cura della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro. Al Museo Storico della Brigata Sassari si potrà visitare l’esposizione dei cimeli del Museo del Risorgimento di Sanluri; verrà inoltre proiettato il video “Trincee” di E. Mocci sulla storia della Brigata nel primo conflitto mondiale. Al liceo artistico “F. Figari”, infine, performance “Tra arte e moda”, allestimenti “Opere in bianco” e “Architettura in scala”, esposizioni degli elaborati prodotti dagli allievi; la mostra “Segnali di fumo”.

Domenica 4 maggio

Dalle 11.00 nel Palazzo Manca di Mores sarà una mattina in musica, con gli allievi della scuola Clusterart, curata dall’associazione Culturale Euterpe; all’ex ospedale civile Santissima Annunziata la Biblioteca universitaria di Sassari – Ministero per i Beni e le Attività Culturali organizza alle 11.00 l’esibizione del coro dell’associazione culturale Paulis e alle 17.00 quella del Coro Cuncordu Planu de Murtas di Pozzomaggiore. Al Museo della Città – Palazzo di Città alle 12.00 si assisterà all’intervento dell’orchestra del Liceo Musicale Azuni e dell’Orchestra Jazz del Liceo, a cura del Liceo Musicale Azuni, mentre alle 12.00 nella Sala Siglienti del Banco di Sardegna ci sarà il concerto per voce e piano di Ilenia Romano (voce) e Maria Tedde (pianoforte), organizzato dal Banco di Sardegna; alle 12.00 e alle 18.00 ancora intermezzi musicali, al Liceo Musicale “D. A. Azuni”; alle 18.30 nel cortile di Palazzo Ducale, “Musica al Museo”, concerto del quartetto Arenara, organizzato dal Comune di Sassari in collaborazione con l’associazione Sardobarda. La sera, in piazza d’Italia, a partire dalle 20.00 lo spettacolo degli Sbandieratori e Musici della Città dei Candelieri.

Orario delle visite nei siti. Sabato 3 maggio dalle ore 17.00 alle ore 21.00. Domenica 4 maggio dalle ore 10.00 alle ore 21.00.
Servizio di interpretariato LIS (lingua italiana dei segni) in collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi – Sezione Provinciale di Sassari.
Domenica 4 maggio incontri in piazza Azuni alle 10.00, 15.00 e 18.30 per le visite guidate
Informazioni per le visite guidate in alcuni siti
Mus’a Pinacoteca al Canopoleno. Sabato 3 maggio dalle 17.00 alle 21.00
Palazzina Tomè. Massimo 15 persone. Sabato 3 maggio visite guidate ogni ora dalle 17.00 alle 19.00; domenica 4 maggio visite guidate ogni ora la mattina dalle 10.00 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00
Ex Tipografia Chiarella. Massimo 25 persone. Sabato 3 maggio visite guidate alle ore 17.30, 18.30, 19.30 ; domenica 4 maggio visite guidate la mattina alle ore 10.00, 11.00 e 12.00; il pomeriggio alle ore 17.00, 18.00, 19.00 e 20.00
Palazzo Giordano Apostoli. Domenica 4 maggio visite guidate ogni ora la mattina dalle 10.00 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00
Ex Ospedale Civile Santissima Annunziata. Sabato 3 maggio dalle 16.30, ultima visita alle 20.00; domenica 4 maggio la mattina dalle 10.00 alle 13.00; il pomeriggio dalle 15.30, ultima visita alle 20.00
Villa Sant’Elia. Sabato 3 e domenica 4 maggio ultima visita alle 19.30
Chiesa di San Donato, Piazza Azuni, Piazza Castello, Palazzo dell’Università, Cimitero Monumentale. Sabato 3 maggio visite guidate alle ore 17.00 e 19.00, domenica 4 maggio visite guidate alle ore 10.30, 11.30, 17.00 e 19.00
Argentiera, Museo della Miniera (Bus navetta gratuito). Domenica 4 maggio visita guidata la mattina dalle 10.30 alle 12.30; il pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30
Nelle chiese le visite verranno sospese durante le funzioni religiose.

Avvertenze

Castello Aragonese. Il Barbacane. Visite guidate ogni 30 minuti per massimo 12 persone. Si avvisa che il sito, per sua natura, presenta un percorso accidentato (irregolare) e angusto. Si invitano pertanto i visitatori ad attenersi alla massima cautela e alle istruzioni sotto indicate, in quanto la visita avviene sotto la diretta responsabilità dei partecipanti. Transitare solo nel percorso indicato e secondo le modalità prescritte. I bambini al di sotto dei 12 anni possono entrare solo se accompagnati. Usare scarpe chiuse e basse

Museo della Città. Palazzo Ducale – Le Stanze e le Cantine del Duca. Visite guidate ogni 45 minuti per massimo 20 persone. Si avvisa che la sezione “Le Cantine del Duca”, per sua natura, presenta un percorso accidentato (irregolare) e angusto. Si invitano pertanto i visitatori ad attenersi alla massima cautela e alle istruzioni sotto indicate, in quanto la visita avviene sotto la diretta responsabilità dei partecipanti. Transitare solo nel percorso indicato e secondo le modalità prescritte. I bambini al di sotto dei 12 anni possono entrare solo se accompagnati. Usare scarpe chiuse e basse

Rifugio antiaereo di Via G. A. Sanna. Visite guidate ogni 30 minuti per massimo 15 persone. Si avvisa che il sito, per sua natura, presenta un percorso accidentato (irregolare), angusto e sdrucciolevole. Si invitano pertanto i visitatori ad attenersi alla massima cautela e alle istruzioni sotto indicate, in quanto la visita avviene sotto la diretta responsabilità dei partecipanti. Transitare solo nel percorso indicato e secondo le modalità prescritte. Ibambini al di sotto dei 12 anni possono entrare solo se accompagnati. Usare scarpe chiuse e basse. Indossare il caschetto in dotazione

Trasporti

Trenino Ajò. Servizio gratuito con partenza ogni ora da piazza Azuni. Sabato 3 maggio dalle 16.30 alle 19.30 (ultima partenza). Domenica 4 maggio dalle 10.00 alle 19.30 (ultima partenza)

Bus navetta gratuito per la Chiesa di Sant’Anatolia e l’Altare Prenuragico di Monte d’Accoddi. Partenza dal Corso Regina Margherita angolo Emiciclo Garibaldi. Visita guidata presso la Chiesa di Sant’Anatolia e l’Altare Prenuragico di Monte d’Accoddi. Sabato 3 maggio partenza alle 17.00 e rientro alle 20.00. Domenica 4 maggio partenza alle 10.00 e rientro alle 12.00; partenza alle 17.00 e rientro alle 20.00. Massimo 50 posti

Bus navetta gratuito per l’Argentiera – Museo della Miniera. Partenza dal Corso Regina Margherita angolo Emiciclo Garibaldi. Visita guidata all’Argentiera – Museo della Miniera. Domenica 4 maggio partenza da Sassari alle 9.30 e rientro dall’Argentiera alle 13.00; partenza da Sassari alle 14.30 e rientro dall’Argentiera alle 18.00. Massimo 100 posti.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio