Mario Floris: «La Sardegna è una nazione, seppure incompiuta»

La XV legislatura del Consiglio regionale si è aperta con il discorso del presidente provvisorio ovvero il consigliere più anziano. Anche Gavino Sale (iRS) ha giurato fedeltà alla Repubblica

FlorisPresidenteCons
Mariolino Floris

Cagliari. Si è aperta intorno alle 10,45 la seduta di insediamento del nuovo Consiglio regionale. All’ordine del giorno il giuramento dei consiglieri e degli assessori (se non sono consiglieri). A presiedere la seduta è chiamato il consigliere anziano Mariolino Floris. Unico momento curioso il giuramento di Gavino Sale, leader di iRS (non è consentito prendere la parola ma, a norma di regolamento, occorre limitarsi a pronunciare la parola “giuro”): forse ha avuto un attimo di esitazione; alla fine però ha giurato seppure pronunciando la formula di rito con grande sofferenza.

Consiglioregionale2014Dopo un ricordo del primo presidente della storia autonomistica, Anselmo Contu (PSd’Az), Floris ha sottolineato di avere «avvertito un forte disagio nel sentire le dichiarazioni in Parlamento di Matteo Renzi. Presentando il suo Governo ha affermato che per recuperare credibilità occorre superare il Titolo V della Costituzione, aggiungendo che occorre rivedere le competenze esclusive ripartite tra Stato e Regioni con l’introduzione di una clausola di intervento della legge statale quando ci sono esigenze di unità giuridiche dell’ordinamento. Ci permettiamo di dire che non possono essere calpestate le prerogative di autonomia dello Statuto sardo. E rimangono nodali le questioni sospese relative al Titolo III dello Statuto ed al Patto di Stabilità». Infine un richiamo all’identità sarda da parte del presidente provvisorio. «Saluto la presenza per la prima volta di esponenti dell’area nazionalitaria e sovranista. La Sardegna è una nazione incompiuta, non una semplice entità geografica: ha un proprio popolo, una propria lingua, è una regione a cui lo Stato e l’Europa devono riconoscere elementi di dignità e sovranità nazionale».

Subito dopo ha preso il via la votazione per l’elezione del presidente del Consiglio regionale.

[foto di Salvatore Taras]

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio