Il coro Amici del Canto Sardo incanta il pubblico polacco

La tournée ha avuto inizio il 29 settembre a Cracovia

Si è appena conclusa la trasferta del Coro Amici del Canto Sardo di Sassari in Polonia dove in una serie di concerti hanno riscosso un notevole successo. La tournée ha avuto inizio nella città di Cracovia dove il coro si è esibito il 29 settembre al 14° Cracovia Music Festival. Il coro diretto dal maestro professor Salvatore Bulla ha presentato una serie di brani del proprio repertorio di musica popolare in lingua sarda e sassarese per la maggior parte di propria produzione ed altri tradizionali con arrangiamenti per coro del maestro Bulla.

Notevole l’apprezzamento da parte del numeroso e competente pubblico composto prevalentemente da musicisti e coristi provenienti da diversi paesi europei. La manifestazione del coro si è aperta nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo nella mattinata e successivamente è proseguita con un concerto pomeridiano nell’auditorium del Muzeum Manggha di Cracovia.

Durante il soggiorno il coro di Sassari ha visitato l’ex campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau dove ha reso omaggio alle vittime dell’olocausto con lo “Stabat Mater”, eseguito sul binario dove giunsero anche i treni partiti dal tristemente famoso binario 21 di Milano. Di notevole interesse e suggestione anche la visita alle miniere di sale di Wieliczka dove il coro ha cantato nella cattedrale a 180 metri sottoterra.

La turnée è proseguita a Varsavia dove gli Amici del Canto Sardo sono giunti a seguito dell’invito ricevuto dal Collegium Musicum dell’Università della capitale polacca. Due gli appuntamenti a conclusione dei quali i bravi coristi del gruppo sassarese hanno suscitato lunghi applausi ed al termine dei concerti stand ovation e richieste di bis. Prima il concerto nella chiesa dei Gesuiti nel centro storico accanto alla cattedrale ha permesso agli Amici del Canto Sardo di presentare il repertorio sacro della tradizione con i canta tipici del periodo della Settimana santa e del natale. Grande successo anche del concerto eseguito nella sala da Ballo del Museo dell’università di Varsavia organizzato dall’istituto di Musicologia della Facoltà di Cultura e Scienze dell’Arte: i sassaresi si sono esibiti dopo il gruppo locale Poniemme. Un confronto interessante tra due tradizioni musicali popolari geograficamente molto lontane. La canzone Poniemnia che abbraccia il canto tradizionale polacco-bielorusso-lituano e il canto a concordu isolano.

Al termine del concerto nella sala da ballo del Tyszkiwiczòw-Potockie il naturale epilogo dello scambio culturale con un momento di convivialità con la degustazione dei gustosi prodotti tipici polacchi e la reciproca promessa della prosecuzione della collaborazione instaurata tra le due realtà artistiche.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio