Colletta alimentare, il contributo della Brigata Sassari

L’Esercito Italiano ha aderito all’importante iniziativa. Alcuni autoveicoli dei reggimenti sono stati infatti messi a disposizione nei centri di raccolta

 

BrigataDistribuzione1Sassari. «Una straordinaria iniziativa di solidarietà umana, nella quale la professionalità del soldato italiano è messa al servizio della collettività non solo nel settore della Difesa e del concorso per le pubbliche calamità, ma anche in attività, come quella odierna, di impegno sociale a favore dei più bisognosi». Con queste parole il generale Arturo Nitti, comandante della Brigata Sassari, ha salutato la 18ª edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare diventata, dal suo esordio nel 1997, un importante momento che coinvolge e sensibilizza la società civile al problema della povertà, attraverso l’invito a un gesto concreto di gratuità e di condivisione: fare la spesa per chi ha bisogno.

BrigataDistribuzione2L’Esercito Italiano – e per esso in Sardegna la Brigata Sassari – ha aderito a questa importante iniziativa contribuendo alla fattibilità della stessa in termini di sostenibilità logistica.

Alcuni autoveicoli dei reggimenti della Brigata Sassari che insistono nelle province di Cagliari, Sassari e Nuoro, sono stati infatti messi a disposizione degli organizzatori per il caricamento, il trasporto e lo smistamento del ricavato alimentare presso i centri di raccolta in diverse località dell’Isola.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio