Brianda: «Noi un centrosinistra moderno, nuovo, libero. E vogliamo vincere»

«I sondaggi ci danno vicino alle destre. Pensate a un ballottaggio tra noi e il campo largo», dice il candidato sindaco. Con lui anche Generazione Sassari di Pirino

Mariano Brianda

Sassari. Punta dritto al ballottaggio. «Noi vogliamo vincere. La vittoria non è affatto fuori dalla nostra portata». Mariano Brianda lo ribadisce e precisa quali sono gli obiettivi della sua coalizione, tre liste, Costituente per Sassari, Giovani per Sassari e Generazione Sassari, che lo sostengono come candidato sindaco. «Innanzitutto vogliamo battere le destre – spiega –. Ci sono sondaggi che stanno girando e che ci danno sopra le destre, in progressione verso il campo largo, primo ma non a cifre stratosferiche. Quindi andremmo al ballottaggio. Pensate se fosse tra un centrosinistra tradizionale e un centrosinistra moderno, la nostra proposta. Moderno perché noi siamo liberi. Quei sondaggi ci danno forza, siamo sopra le destre o giù di lì. Un obiettivo alla nostra portata. Si tratta di capire anche il credito nella cittadinanza delle nostre strutture di riferimento, quanto sono conosciute in città a differenza dei partiti che non c’erano negli ultimi cinque anni, che non hanno fatto iniziative. Al contrario, noi ne possiamo elencare centinaia».

Delle tre liste che sostengono la sua candidatura a sindaco una è interamente costituita da giovani. «Siamo gli unici. Le altre coalizioni li hanno ma sono confusi nelle varie liste, un’operazione che noi non facciamo. Riconosciamo invece ai giovani uno spazio autonomo e penso sia un’operazione formidabile». Martedì mattina è il momento di presentare alla stampa la candidatura di Mariano Brianda ma anche le caratteristiche della sua coalizione. Un centrosinistra moderno allora, alternativo al centrosinistra classico, che è diventato sì Campo largo, ma rimane una coalizione tradizionale con i partiti. «In queste elezioni abbiamo 24 liste e una quantità di candidati impressionante (sono 713, ndr). Nove di queste sono piene, con 34 candidati, il massimo possibile. Due sono le nostre e una, la terza, non ha tutti i componenti occupati perché è una lista di giovani. E sapete come è difficile coinvolgerli. Nel nostro caso però sono loro a essere venuti da noi», insiste Brianda. Comporre le liste in questa tornata elettorale è stato più complicato che nel passato. I cittadini sono stanchi e disillusi. «Noi puntiamo a un messaggio di inclusione. Abbiamo accolto negli ultimi giorni la lista di Manuel Pirino, Generazione Sassari, una lista di diritti civili, che è giusto siano rappresentati in Consiglio comunale». Un accordo raggiunto con orgoglio.

«Aderiamo al progetto della Costituente per Sassari e sosteniamo Mariano Brianda come candidato sindaco – ha spiegato Manuel Pirino – perché ci riconosciamo nei valori di civiltà e libertà che porta avanti e nell’attenzione a privilegiare dialogo e partecipazione».

Per la lista madre, Costituente per Sassari, ha preso la parola Piero Frau, già presidente del Consiglio comunale e adesso ricandidato consigliere. «Per noi sono stati anni impiegati ad analizzare nei minimi dettagli la città. Abbiamo fatto un lavoro innovativo, con un questionario distribuito a tutti, a enti datoriali, associazioni e in qualsiasi luogo dove la gente si riunisce per discutere. Abbiamo sentito la città intorno a noi, con una settantina di convegni fatti nell’ultimo anno». Per la lista Giovani per Sassari è intervenuto Nicola Marongiu, che da un paio di settimane ha affisso in diversi spazi il suo manifesto elettorale, con slogan particolari che strappano il sorriso. Per esempio, in uno di questi una scritta che sembra aggiunta da una mano ignota lo invita ad andare a lavorare.

«Il nostro programma, lo dico ancora una volta, è stato redatto con l’aiuto dei cittadini, delle associazioni, delle realtà dove si discute. Noi abbiamo un elettorato aggiuntivo rispetto a quello tradizionale del centrosinistra – conclude Brianda –. Noi stessi siamo un centrosinistra moderno, nuovo, libero che non vuole sottostare agli apparati di partito, ma vuole fare contare i cittadini. E abbiamo individuato gli strumenti perché possano contare davvero. Come la modifica dello statuto comunale, con i comitati di quartiere, le assemblee di cittadini, il referendum telematico, l’istruttoria pubblica obbligatoria per alcune opere impattanti. Ovvero una serie di strumenti che faranno in modo che i cittadini possano contare. E sarà una riforma che faremo nei primi 50 giorni di governo. Noi siamo un valore aggiuntivo del centrosinistra che potrebbe così liberarsi di quelle logiche che fino ad oggi l’hanno reso antico e vecchio, che gli elettori non capiscono più, alle spartizioni, alle poltrone. Bisogna invece fare affidamento ai cittadini, bisogna organizzarli. E noi qui alla Costituente lo stiamo facendo. Dobbiamo solo portare questo metodo virtuoso al governo della città».

I candidati. Costituente per Sassari: Alessia Balbitu, Fabrizio Casu, Carlo Casula, Pasquale Nicolò Cloridani, Domenica Isoni, Angelo Demurtas, Vincenzo Costanzo Fanelli, Chiara Furlanetto, Piero Frau, Ignazio Pietro Giuseppe Furesi, Marco Antonio Guido, Giovanna Monica Idile, Paolo Roberto Manca, Patrizia Menconi, Gabriele Giglioli, Giovanni Nuscis, Chiara Pala, Maria Gabriella Pintore, Luciano Saba, Cinzia Sacchetti, Carlo Sanna, Giovanni Andrea Nicola Serra, Stefano Sotgiu, Gabriella Tedde, Carlo Tomassetti, Santino Uras, Caterina Brundu, Roberto Alessandro Stefano Floris, Mariano Piga, Giulia Sara Maria Piras, Elisa Orrù, Alessandra Sanna, Sebastiano Brianda, Andrea Narciso Pinna.

Giovani per Sassari: Nicola Marongiu, Alexandru Marian Andreetto, Alessandro Baldino, Chiara Bottioni, Maria Laura Caravati, Alessandro Fogu, Salvatore Casu, Angelo Cesarani, Giovanna Maria Del Vescovo, Danilo Fiori, Giovanni Fiori, Gianmarco Fogu, Dafne Giamberduca, Daniele Marrosu, Alessandro Mazzoni, Antonio Piga, Flavia Pinna, Milena Carta, Francesco Ruzzettu, Antonella Maria Rosaria Sanna, Daniele Sanna, Aurora Serra, Giuseppe Migliore.

Generazione Sassari: Grazia Arca Sedda, Claudia Arghittu, Alessia Atzeni, Antonio Atzeni, Paola Antonella Auzzas, Nicolo Casu, Alessio Collu, Chiara Cossu, Cesare Dore, Anita Gherrino, Loredana Ledda, Maria Lucia Luiu, Giovanni Battista Manchia, Luigi Ledda, Roberto Marica, Carlo Martinez, Domenica Rita Mastino, Maria Caterina Nieddu (nota Ketty), Maria Rita Olmeo (nota Rita), Antonio Pais, Sara Palmas, Maria Grazia Panu, Maria Panzali, Pietro Alessio Casula, Andrea Pinna, Selene Pinna, Antonio Poddighe, Davide Puggioni, Alex Salaris, Fabio Scanu, Maria Costantina Scanu, Damiano Serra, Elena Spano, Maria Grazia Travaglione.

L.F.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio