Giù la maschera, dal 15 dicembre a Sassari la stagione di prosa del Cedac

Al nuovo Teatro Comunale di Cappuccini otto titoli in cartellone. Tra gli interpreti Michele Placido, Franco Branciaroli, Andrea Giordana, Lella Costa, Beppe Fiorello e Ambra Angiolini

 

 

CedacMichelePlacidoKingLear
Michele Placido in Re Lear

Sassari. “Giù la maschera”: si alza il sipario sulla Stagione di prosa 2014/2015 organizzata dal CeDAC al Nuovo Teatro Comunale di Sassari, nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo, con otto titoli in cartellone (più uno spettacolo fuori abbonamento) dal 15 dicembre 2014 al 10 aprile 2015 tra immortali capolavori e testi contemporanei, trasposizioni letterarie, raffinate parodie e divertissement teatral musicali. Slogan della stagione – patrocinata e sostenuta dal Comune di Sassari – è un pirandelliano “Giù la maschera” che riconosce al teatro il potere dello svelamento, della messa a nudo della verità celata dietro le maschere dell’ipocrisia e delle convenzioni della società: la scena, luogo della finzione elevata ad arte, diventa lo specchio in cui è possibile riconoscersi e (ri)scoprire umanissimi vizi e virtù.

CedacBranciaroliEnricoIV
Franco Branciaroli in Enrico IV

«Siamo contenti di ospitare la rassegna teatrale Cedac – dichiara il sindaco Nicola Sanna – in particolare per l’alta qualità dell’offerta e per le compagnie e gli attori che saranno a Sassari. Per noi è importante, perché significa fare cultura ma anche ottimizzare i costi del Teatro comunale». Sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Sassari Monica Spanedda: «Ancora una volta il Cedac propone al pubblico sassarese una stagione della prosa di livello e si pone da protagonista nel panorama culturale cittadino. La rassegna che registra sempre un pubblico numeroso ci fa capire quanto sia importante investire in cultura, sicuro motore di sviluppo economico. La rassegna inoltre è graditissima al pubblico sassarese che partecipa sempre in maniera sostenuta».

CedacAndreaGiordanaIlbellAntonio
Andrea Giordana in Il bell’Antonio

Riflettori puntati sui grandi nomi della scena italiana, da Michele Placido che si confronta con il “Re Lear” di William Shakespeare – meraviglioso dramma elisabettiano sulla vertigine del potere e gli inganni del cuore e della ragione – a Franco Branciaroli, istrionico protagonista dell’“Enrico IV” di Luigi Pirandello, incentrato su un tema caro all’autore dei “Sei Personaggi”, ovvero la follia. Una storia siciliana ma emblematica dell’Italia nel ventennio, “Il bell’Antonio” di Vitaliano Brancati vede protagonisti Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, per la regia di Giancarlo Sepe (in scena anche Luchino Giordana) mentre Lella Costa e Paolo Calabresi – diretti da Emanuela Giordano – raccontano l’imprevedibilità dell’amore adulto, e la gioia e il dolore della vita in “Nuda Proprietà” di Lidia Ravera.

CedacAmbraLamisteriosascomparsa
Ambra Angiolini in La misteriosa scomparsa

Sotto i riflettori anche un interprete eclettico come Nello Mascia, maestro di saggezza e d’arguzia tra i disastri sentimentali de “Gl’Innamorati” di Carlo Goldoni, insieme alla giovane compagnia de Il Mulino di Amleto mentre lo spirito del burlesque rivive nell’intrigante “Hamlet Travestie”, ovvero un viaggio sul filo della parodia “da John Poole e Antonio Petito a William Shakespeare” firmato Punta Corsara e 369 gradi, con un cast di giovani e bravi attori.

Ritratto di giovane signora in “Ti ho sposato per allegria” di Natalia Ginzburg, commedia divertente e leggera – diretta da Piero Maccarinelli, e affidata alla verve di Chiara Francini, Emanuele Salce e Anita Bartolucci – che mette l’accento, oltre la routine della vita di coppia, su questioni cruciali – come la condizione femminile; Ambra Angiolini è invece la protagonista de “La misteriosa scomparsa di W” di Stefano Benni, pièce ironica e surreale, sul senso di una mancanza che induce a ripensare a tutta la propria esistenza.

CedacBeppeFiorello
Beppe Fiorello in Penso che un sogno così

Divo del piccolo e del grande schermo, Giuseppe Fiorello sbarcherà infine a Sassari per una serata – fuori abbonamento – con “Penso che un sogno così…”, tra ricordi d’infanzia, gallerie di volti e storie, e un implicito omaggio al grande Domenico Modugno sull’eco delle sue canzoni.

La Stagione di Prosa 2014-15 al Nuovo Teatro Comunale di Sassari, promossa dal CeDAC con il patrocinio e il sostegno dell’amministrazione comunale nell’ambito del XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo (con lo slogan “Giu’ la maschera”), è patrocinata e sostenuta dal MiBAC/ Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Sardegna e dall’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Sassari, con il supporto della Fondazione Banco di Sardegna e uno sponsor prezioso come Sardinia Ferries.

 

CeDAC XXXV Circuito Teatrale Regionale Sardo
GIU’ LA MASCHERA
Sassari – Nuovo Teatro Comunale
Stagione di prosa 2014/2015

15-16 dicembre
Goldenart Production
Re Lear di William Shakespeare
con Michele Placido e Gigi Angelillo
e con Francesco Bonomo, Federica Vincenti, Francesco Biscione
regia Michele Placido e Francesco Manetti

7-8 gennaio
ErreTiTeatro30
Ti ho sposato per allegria di Natalia Ginzburg
con Chiara Francini, Emanuele Salce e Anita Bartolucci
regia Piero Maccarinelli

19-20 gennaio
CTB Teatro Stabile di Brescia – Teatro de Gli incamminati
Enrico IV di Luigi Pirandello
con Franco Branciaroli e Melania Giglio, Giorgio Lanza, Antonio Zanoletti, Tommaso Cardarelli, Valentina Violo, Daniele Griggio
regia Franco Branciaroli

5-6 febbraio
LuxT
Il bell’Antonio di Vitaliano Brancati
con Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti
regia Giancarlo Sepe

18-19 febbraio
La contemporanea
Nuda proprietà di Lidia Ravera
con Lella Costa e Paolo Calabresi
regia Emanuela Giordano

3 marzo (fuori abbonamento)
Nuovo Teatro
Penso che un sogno così… di Giuseppe Fiorello e Vittorio Moroni
con Giuseppe Fiorello
musiche eseguite dal vivo da Daniele Bonaviri e Fabrizio Palma
regia Giampiero Solari

11-12 marzo
Punta Corsara – 369 gradi
Hamlet Travestie da John Poole e Antonio Petito a William Shakespeare
drammaturgia Emanuele Valenti e Gianni Vastarella,
regia Emanuele Valenti

25-26 marzo
Fondazione del Teatro Stabile di Torino/ Il Mulino di Amleto
Gl’Innamorati di Carlo Goldoni
con Nello Mascia, Lorenzo Bartoli
regia Marco Lorenzi

9-10 aprile
Teatro dell’Archivolto
La misteriosa scomparsa di W di Stefano Benni
con Ambra Angiolini
regia Giorgio Gallione

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio